Logo AISA
  • English
  • Italiano
  • Deutsch

La voce dei nostri Aufgussmeister – Less is more

07 Giugno 2023

Condividiamo il settimo contributo  su quello che l’essere Aufgussmeister significa per ciascuno di noi.
Tutti possono parteciparvi inviando un articolo a comunicazione@aisa.it.

Questo articolo parla di essenza della sauna e ci arriva da Andrea Trangoni

Less is more.

In sauna si è nudi. In sauna si è tutti uguali. In sauna non si parla. La sauna è essenziale.
Less is more.

Le differenze esibite o patite nella quotidianità scompaiono, la sauna è un’isola mondo. Meister e
ospiti condividono gli stessi spazi e, idealmente, si scambiano carezze. L’uno con la delicatezza
profumata del calore che avvolge, gli altri con la riconoscenza nello sguardo. Suoni, oli essenziali,
vortici caldi, muovono le emozioni e suggellano il legame.
L’aufguss è un viaggio che si fa insieme, senza un IO e un VOI. Bagno di umiltà prima ancora che
bagno di calore.
Less is more.

L’isola mondo Sauna ha una parola chiave per entrarci, condivisione. Si condivide tutto, spazi,
calore, emozioni, essenze, silenzi. Sia di qua che di là dell’asciugamano che sventola.
Si condivide la trepidazione palpabile del Meister fresco di Diploma o l’esitazione dell’ospite che
entra per la prima volta in cabina. Così come si partecipa del benessere profondo che ci procura il
Meister esperto, che non alimenta il proprio ego, bensì attiva l’empatia e diventa parte di un tutto,
fino all’ultima goccia di sudore. Senza strafare, senza soverchiare, cercando piuttosto nell’armonia
dei gesti e nella limpidezza degli occhi la sintonia essenziale, l’impalpabile filo che ci lega tutti in
quella dozzina di afosi minuti. Lì, si è maestri.
Less is more.

L’aufguss è un rituale, è un racconto che si compone mentre si agisce, prima, durante e dopo
l’ingresso in cabina. Un racconto fatto di gesti meticolosi, di osservazione, di scelte musicali, di
preparazione, di puntualità, di studio, di tecnica, di sperimentazioni, di eleganza, di sorrisi, di
profumi, di attenzioni, di calore crescente come il battito del cuore.
L’aufguss è un piacere, per tutti, per il Meister e per l’ospite. Non è qualcosa che si esige o qualcosa
di cui ci si pavoneggia o qualcosa che si rifila, mille volte uguale, distrattamente. L’aufguss, o
perlomeno l’aufguss che a me piace, è una visione romantica del mondo. Un piccolo racconto felice
che punta al cuore delle cose e delle persone. Pulito, semplice, partecipato. Ricco di sfumature e di
suggestioni, che ognuno poi legge con gli occhi del proprio vissuto e alimenta con le proprie
emozioni. Intimamente.
Less is more.

Ognuno di noi ha “incontrato” la sauna in modi e in anni diversi e diversi sono stati i riflessi nel
tempo.
A me piace ricordare la reazione di una giovanissima ragazza che, recentemente, partecipava con
non poca ansia al suo primo aufguss, certa in cuor suo che sarebbe fuggita dopo pochi secondi
d’inferno. Rimase fino alla fine e, appena uscita, mi cercò con gli occhi e sorridendo entusiasta
esclamò: “Ma è una meraviglia!”.
Il merito era di tutti i presenti, che l’avevano accolta e protetta nella piccola isola mondo, nuova
compagna di un medesimo percorso che lei cominciava in quel momento. Con spontanea,
irrefrenabile gioia.
Less is more…

Questo articolo si trova in: Vita associativa

Array